Pallavolo, l’Holimpia non passa contro la Cofer Lamezia

Pallavolo, l’Holimpia non passa contro la Cofer Lamezia

5 Novembre 2017 Off Di Redazione
Condividi articolo:

Cofer Lamezia troppo forte per l’Holimpia Siracusa. La squadra allenata da Santino Sciacca esce sconfitta con il punteggio di 3-0 dalla trasferta in terra calabrese contro quella che probabilmente è la compagine più forte del girone I del campionato di B2, così come confermato dalla classifica che prima e dopo la partita di oggi che vede la Cofer al comando del girone con un percorso netto e appena due set concessi in 4 incontri alle avversarie di turno. L’Holimpia dal canto suo paga un difficile avvio di gara che ha visto le padrone di casa capaci fin da subito di condurre i giochi e tracciare un profondo solco tra se e le avversarie. Lamezia che si aggiudica il primo set con il punteggio di 25-12. Un parziale che però non abbatte le siracusane, che nel secondo set provano a tenere botta alle lametine. L’Holimpia riesce a rimanere agganciata nel punteggio fino a metà parziale. La Cofer Lamezia però, guidate da una Stefania Papa in giornata di grazia (20 punti finali per lei), innestano le marce alte e si aggiudicano anche il secondo parziale (25-16).

Il terzo set dovrebbe essere una pura formalità per la Cofer, ma l’Holimpia, come già dimostrato nelle precedenti partite, è una squadra dal grande carattere e dà battaglia alle padrone di casa, mettendo in campo tutte le forze a disposizione. Purtroppo non basta, ma forse era difficile far meglio contro un’avversaria di questa caratura. “Sono consapevole – ha detto al termine dell’incontro mister Santino Sciaccache oggi abbiamo giocato contro una delle squadre più forti del campionato e sapevo che questa era una trasferta in cui sarebbe stato difficile far meglio. Loro sono una squadra ricca di esperienza, mentre noi siamo per lo più una squadra di giovanissime che per la prima volta si approcciano a questo campionato. Questa sconfitta però deve servirci da lezione, perchè è necessario capire che contro questo tipo di squadre dobbiamo provare a osare il più possibile, gettando il cuore oltre l’ostacolo.”